Fed Cup, fra sorprese e conferme

January 28 2015 by Francesco D'Amato Print This Article

Non mancano le sorprese nelle liste di convocate che i vari capitani del World Group di Fed Cup hanno annunciato oggi, in vista dell’appuntamento del prossimo 7-8 febbraio. L’incontro che ci interessa più da vicino è quello fra Italia e Francia a Genova, dove si sta allestendo il campo in terra battuta all’interno del 105 Stadium (vedi foto). Non ci sarà Flavia Pennetta, numero uno azzurra, Corrado Barazzutti infatti ha convocato Sara Errani, Camilla Giorgi, Roberta Vinci e Karin Knapp. Le transalpine scelte, invece dal capitano Amelie Mauresmo sono: Alize Cornet, Caroline Garcia, Kristina Mladenovic e Pauline Parmentier.

Orfano della stella Bouchard il Canada che ospiterà a Quebec City la Repubblica Ceca: le nordamericane convocate da Sylvain Bureau sono solo 3 Sharon Fichman, Gabriela Dabrowski e  la non ancora diciottenne Francoise Abanda, alla prima chiamata in Fed Cup. Le ceche affronteranno la trasferta canadese senza un top team: Petr Pala ha dovuto incassare il forfait di Kvitova e Safarova convocando Karolina Pliskova, Tereza Smitkova, Denisa Allertova e Lucie Hradecka. La Sharapova, invece, risulta fra le russe scelte da Anastasia Myskina per fare il colpaccio in Polonia alla Krakow Arena. Maria ha bisogno delle presenze in Fed Cup per essere elegibile per le Olimpiadi di Rio. La squadra russa è completata da Anastasia Pavlyunchenkova, Svetlana Kuznetsova e da Vitalia Diatchenko, alla prima convocazione. La Polonia si affiderà alle sorelle Radwanska, ad Alicia Rosolska e a Klaudia Jans-Ignacik.

L’ultimo confronto di World Group si giocherà alla Porsche Arena di Stoccarda, fra Germania e Australia. Barbara Rittner, capitano delle padrone di casa, ha scelto la top ten Angelique Kerber, Andrea Petkovic, Sabine Lisicki e Julia Goerges, mentre la sua collega australiana Alicia Molik ha optato per l’esperienza di Sam Stosur e Casey Dellacqua, insieme a Jarmila Gajdosova e Olivia Rogowska. A Stoccarda si giocherà indoor su una superficie rapida.

Francesco D'Amato

Giornalista professionista dal 2003. Dopo aver lavorato per 2 anni a Cagliari nella redazione sportiva di Tiscali, dal 2002 ritorna a Roma dove si è trasferito a 19 anni per frequentare l’università. Nella Capitale cura prima l’ufficio stampa di Acciari Consulting, poi lavora in un’agenzia di stampa parlamentare. Vanta una collaborazione di 15 anni con la Federtennis nell’organizzazione degli Internazionali d’Italia. Entra in Crionet nel 2009, cogliendo al volo l’opportunità di tornare a occuparsi di tennis a tempo pieno.