Fed Cup, decise le sedi del Group I

January 10 2015 by Francesco D'Amato Print This Article

Budapest, San Luis Potosi e Guanzhou ospiteranno dal 4 al 7 febbraio i concentramenti di Fed Cup rispettivamente per il group I Europa / Africa, America e Asia / Oceania. Le nazioni vincitrici di ciascun concentramento (anche la seconda classificata in quello europeo) avranno diritto a sfidare nel playoff le quattro squadre del World group II che usciranno sconfitte dai rispettivi incontri di primo turno. A Budapest si giocherà sul cemento indoor del Syma Event Congress, che già ha ospitato in passato partite di Fed Cup. Le 16 squadre sono divise in 4 gironi: nel primo Serbia, Ungheria e Austria, nel secondo Gran Bretagna, Ucraina, Turchia e Lichtenstein, nel terzo Bielorussia, Portogallo, Bulgaria e Georgia e nel quarto Belgio, Croazia, Israele e Lettonia.

Il “La Loma Sport Centre” di San Luis Potosi in Messico sarà la venue del raggruppamento americano con 7 nazioni. Si giocherà sempre sul cemento, ma all’aperto.  Nel gruppo A ci sarà il Brasile, la Colombia e il Cile, in quello B Paraguay, Venezuela, Messico e Bolivia. Condizioni e superficie identiche per il concentramento Asia / Oceania in Cina, nel Guangdong Olympic Tennis Centre di Guangzhou. Otto squadre agguerrite a caccia del pass per il playoff: nel gruppo A si sfideranno Giappone, Uzbekistan, Hong Kong e Corea del Sud, in quello B Thailandia, Kazakhstan, Cina e Taipei

Pur non essendo incontri di World group di Fed Cup in questi concentramenti potremmo vedere all’opera tenniste come Vika Azarenka, Elina Sviolina, Heather Watson, Tsvetana Pironkova, Peng Shuai, Kurumi Nara e Teliana Pereira. Le convocazioni, si legge nel comunicato della Federazione internazionale, tanto per il World group quanto per il Group I verranno annunciate entro il 28 gennaio. 

Francesco D'Amato

Giornalista professionista dal 2003. Dopo aver lavorato per 2 anni a Cagliari nella redazione sportiva di Tiscali, dal 2002 ritorna a Roma dove si è trasferito a 19 anni per frequentare l’università. Nella Capitale cura prima l’ufficio stampa di Acciari Consulting, poi lavora in un’agenzia di stampa parlamentare. Vanta una collaborazione di 15 anni con la Federtennis nell’organizzazione degli Internazionali d’Italia. Entra in Crionet nel 2009, cogliendo al volo l’opportunità di tornare a occuparsi di tennis a tempo pieno.